Ambasciata Internazionale:
MALBA – Museo d’Arte Latinoamericana di Buenos Aires,
Argentina

ministero-cultura
ministero-cultura

Public Program

Ottobre 2022

Quinta Ambasciata Internazionale: MALBA – Museo d’Arte Latinoamericana di Buenos Aires

Biblioteca MALBA

|| Argentina ||

“El Lugar Común”

INTERVENGONO:

Paula Fleisner e Noelia Billi

(da Collectivo Materia)

Matheew Carrillo Marentes

Curatore e ricercatore

Duen Sacchi

Artista, ricercatore e scrittore

26 ottobre 2022, accade un nuovo incontro delle Ambasciate internazionali in collaborazione con il MALBA – Museo di Arte Latinoamericana di Buenos Aires, Argentina.

“Cosa fa l’arte quando crolla il concetto di natura come risorsa disponibile per lo sviluppo della cultura? Questa è una delle domande che ispirano le linee di ricerca sviluppate dalla Colectiva Materia, inscritte in una prospettiva post-antropocentrica e post-naturale che ha spinto a riconsiderare le diverse logiche di esistenza che popolano il pianeta. Parallelamente, nel suo libro Ficciones patógenas, Duen Sacchi mette in campo un insieme di racconti controscientifici sulla natura, prescrivendo la condizione prolifica del mostruoso nella simbiosi uomo-vegetale. D’altra parte, sulla base della sua partecipazione alla ricerca per il progetto del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia, Matheew Carrillo Marentes ci invita a riflettere sul legame tra umanità e natura, mettendo in discussione il concetto di ingegno e industria nel XXI secolo.

Basata sul nucleo tematico Abitare la Terra, che fa parte della mostra Terzo Occhio, questa tavola rotonda propone di pensare alla natura come a un luogo comune, dispiegando allo stesso tempo le diverse concezioni dell'”altro” che hanno avuto luogo nella costruzione del pensiero colonizzatore. Gli autori, i cui approcci riflettono il traffico tra pensiero filosofico, ricerca, curatela e arte contemporanea, si concentreranno sulle loro riflessioni e sulle loro pratiche: ipotesi di lavoro, progetti in corso ed esperienze che operano micropoliticamente nell’attuale contesto di crisi planetaria.

Collettivo Materia

Il Collettivo Materia è un gruppo di donne filosofe che si dedica all’esplorazione delle possibilità teoriche e pratiche del materialismo postumano. È composto da Noelia Billi, Guadalupe Lucero e Paula Fleisner, dottorande in filosofia dell’Università di Buenos Aires e ricercatrici del CONICET. Sono docenti universitari presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Buenos Aires e tengono lezioni di gruppo in seminari post-laurea presso università nazionali e internazionali. Sono redattori dei Cuadernos Materialistas, disponibili sul web: https://colectivamateria.wixsite.com/cuadmaterialistas.

Matheew Carrillo Marentes

Matheew Carrillo Marentes (Bogotà, 1991) è un curatore e ricercatore, attualmente assistente curatoriale del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia 2022, dove ha partecipato alla ricerca Storia della Notte e Destino delle Comete. Una proposta che racconta il difficile equilibrio tra Uomo e Natura ripercorrendo l’ascesa e il declino dell’industria italiana e creando narrazioni che approfondiscono i sogni e gli errori del passato e le prospettive per il futuro. Nel 2020 ha conseguito il suo Master in Management in Art and Culture a Roma per la sua ricerca sull’impatto dei conflitti e delle rivoluzioni sociali sull’arte occidentale nel XXI secolo. Nel 2017 ha conseguito la laurea in ingegneria industriale con specializzazione in management. Ha partecipato come assistente alla curatela di Connexion Festival (2019), una mostra su arte e sostenibilità sostenuta dalla Rome Business School, dal Comune di Roma e dal Museo Macro. Ha partecipato a diversi laboratori di mediazione culturale con Palazzo Grassi e Punta della Dogana, sedi della Collezione Pinault di Venezia.

Duen Sacchi

Duen Sacchi è un’artista, ricercatore, scrittore, migrante trans (Guaxu) che vive in Argentina. Il suo lavoro mette in tensione le relazioni tra le pratiche formali della scrittura, del disegno, della stampa, della scultura e le loro forme di riproduzione da una prospettiva anticoloniale, antirazzista e antipatriarcale. Ha presentato i suoi disegni, sculture e testi in diversi spazi, musei e istituzioni in Abya Yala e in Europa. Ha condotto il programma “Degenerad*s. Políticas radicales del arte y el pensamiento transfeminista anticolonial (Bilbao, 2014-2017), è stato tutor presso il PEI- MACBA (2018) e insegnante presso il P.O.P.S. (Matadero, 2019). Attualmente sta lavorando al suo progetto TRAUMA sulle migrazioni e la diaspora dei travestiti. Ha pubblicato Ficciones patógenas (2018, Brumaria & Album e 2019, Rara Avis), Organoléptico (2019, Eremuak). È membro del duo Río Paraná.